.
Annunci online

attimofuggente
passerà li davanti a te....non farlo fuggire..
sentimenti
19 novembre 2008
ho un altro blog...
è un pò di tempo che scrivacchio qui :

www.giovannizannola.ilcannocchiale.it



permalink | inviato da attimofuggente il 19/11/2008 alle 3:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
16 febbraio 2008
flusso di coscienza...stop blog
non so cosa sia questo profondo magone...pensieroso davanti un tavolo percepivo un gemito interiore al quale non so dare caratterizzazione. Spesso non si capisce cosa frena le nostre azioni. Non è ciò che provo però. Non capisco come in un  momento così importante io non trovi fantasia ed ottimismo per affrontarlo. Non è depressione. Non ho paura di finire bollito in un reparto insipido di ospedale ad ingoiare farmaci. Non sono certo il tipo che affonda così facilmente, ma per la prima volte ho scoperto qualcosa più forte di me. Un futuro che non è come lo disegnavi da bambino, l'amore non è come una rosa da cercare in un giardino fiorito. Tutto sembra essersi così destabilizzato e non trovo il valore aggiunto nelle cose per continuare a fare ciò che da tempo sto costruendo. Era da molto che non scrivevo liberamente ciò che vivo e non ciò che penso. Anche questo proabilmente fa di me una  pagina fragile. La incapacità di far passare le  emozioni dentro senza fermarle e riviverle cento volte tanto rischiando spesso di renderle irripetibili e quindi introvabili in altri luoghi del nostro es. La fragilità di una ricerca continua di luoghi dove sconvolgere il corso della vita attraverso istanti pieni di senso. La incapacità di lasciare scorrere ciò che dico  per non sembrar così fragile.
Occorre forse lasciare un pò e partire. Perdere di vista questo luogo e la sua monotonia ormai devastante. Non saranno biirre ed altro a farmi abbandonare. Non sono stupido.
Da oggi non aggiorno il blog, non credo abbia altro da aggiungere.
Aspetto un segnale positivo dall 'esistere e tornerò a parlare di attimifuggenti.



permalink | inviato da attimofuggente il 16/2/2008 alle 22:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
15 febbraio 2008
San Valentino.....the day after
In un momento
 
In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose
 
P.S. E così dimenticammo le rose.
Dino Campana



permalink | inviato da attimofuggente il 15/2/2008 alle 16:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
12 febbraio 2008
Calvino...
Estrapolo questa citazione da una mail arrivatami ieri. Devo dire che per un istante molto lungo ho avuto la fortuna di versare una lacrimuccia sincera...

"l'inferno è già qui. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio"



permalink | inviato da attimofuggente il 12/2/2008 alle 12:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
9 febbraio 2008
provaci ancora Sam....
imbarazzato come una vetrina appena derubata dei suoi abiti il vecchio Attimo  tenta di invitare una donzella ad uscire. Per la serie non arrivi mai al sodo coglione! Si rimpinza di campari aspettando il momento più adatto. Come prevedibile quel momento non arivva e quindi il maggiordomo damerino tenta una scalata dicendole " sai, stasera vado  mascherato a ballare con i miei amici!!!" .Lei repintinamente risponde " dove?". Il damerino indica il posto, dopo aver bevuto 4 amari  le chiede attraverso le  testuali parole " viecce pure te , no? ". Risposta secca..." purtroppo mio figlio sta male a casa". Domanda : pisciata?. Nel frattempo passano i giorni e anche le mura Aureliane capiscono il povero vecchio attimo ancora una volta abbattuto. Non contento della scusa rimediata in precedenza , dovendo andare ad una festa a Roma Attimo richiede alla titubante operatrice turistica " voi venì? ". Risposta secca : " non c'entro niente..chi siete e che fate ?. Attimo capisce che non c'è acqua per le piante e risponde " sai, due canne e un pò di Rum , so io e namico mio de Roma..vabe ciao" . La donna chiude augurando una buona serata.....

Allora se due più de fa sei e tre per nove ventisette....Il damerino di 94 chili è stato scartato? Oppure funziona ancora la vecchia guardia romantica della cena e del cinema?



permalink | inviato da attimofuggente il 9/2/2008 alle 21:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
8 febbraio 2008
donne, politica, lavoro
penso che al termine donna accosterei il verbo amare, alla politica la parola passione ed idealità ed infine pensando al lavoro mi viene in mente la parola realizzazione e dignità....

mi sa che della vita non c'ho capito un caz....o!!!!!!!!



permalink | inviato da attimofuggente il 8/2/2008 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
7 febbraio 2008
L'abisso......Fernando Pessoa
so che non è una poesia allegrissima, ma è decisamente bella...
Tra me e la mia coscienza
c' è un abisso
nel cui fondo invisibile scorre
il rumore di un fiume lontano dai soli,
il cui suono reale è cupo e freddo -
Ah, in qualche punto del pensare della nostra anima,
freddo e scuro e incredibilmente vecchio,
in se stesso e non nella sua dichiarata apparenza.

Il mio ascoltare è diventato il mio vedere
quel sommerso fiume senza luogo.
Il suo rumore silenzioso libera sempre
il mio pensiero dal potere del mio pensiero di sognare.
Una temibile realtà appartiene
a quel fiume di mute, astratte canzoni
che parlano della non realtà
del suo andare verso nessun mare.
Ecco! Con gli occhi del mio sognato sentire
io sento il non visto fiume trasportare
verso dove non va tutte le cose
di cui è fatto il mio pensiero - il Pensiero
in Sé, e il Mondo, e Dio, che
fluttuano in quell' impossibile fiume.

Ah, le idee di Dio, del Mondo,
di Me stesso e del Mistero,
come da uno sconosciuto bastione colpito,
scorrono con quel fiume verso quel mare
che non ha raggiunto né raggiungerà mai
e apparterrà al suo moto legato alla notte.
Oh, ancora verso quel sole su quella spiaggia
di quell' inattingibile oceano!



permalink | inviato da attimofuggente il 7/2/2008 alle 20:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
6 febbraio 2008
Writers: bastone o carota?




c'è che scrive il suo nome ovunque per lasciare traccia di sè in ogni luogo che incontra,
c'è chi colora metro insipide per regalare vivacità ad una metropoli troppo gassosa,
 c'è chi deturpa il bene pubblico unicamente per segnalare la sua esistenza o semplicemente perchè è un vandalo,
 c'è chi prova a disegnare se stesso, le sue emozioni ed i suoi pensieri obbligando ognuno di noi a notarlo,
c'è chi scrive il proprio nome come i gatti fanno pipì negli angoli delle strade,
c'è chi si sente talmente inesistente da pretendere di esistere attraverso un colore illuminato di adrenalina,
c'è chi ha bisogno di seguire un amico coraggioso nello sfidare regole e leggi,
c'è chi incazzato ti spiega che gli spazi si riprendono in molti modi diversi, ma non meno importanti,
c'è chi lo fa per moda,
c'è chi lo fa per essere migliore di un altro almeno in qualcosa,
c'è chi segue il cugino più grande,
c'è chi vive la cultura dell 'Hip Hop sino in fondo,
c'è chi è nato per farlo e basta.





permalink | inviato da attimofuggente il 6/2/2008 alle 19:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
5 febbraio 2008
Roma città aperta
è da poco finito il film che si intitola proprio come il post. Erano tre  quattro anni che non lo vedevo, ma ancora una volta ho lasciatio scorrere lacrime di apprezzamento. Sabato mattina sono stato per la terza o quarta volta al museo di Via Tasso con l ' ANPI ed anche lì ho sentito un vuoto tremendo.
Tutto ciò incorniciato nella discussione sui valori della resistenza all'interno della bozza dei valori del Partito Democratico. Non è vero che non scrivere l 'apartenenza ad una parte in un certo periodo storico significa avere interiorizzato quella posizione. Credo che senza ombra di dubbio ogni carta dei valori debba mettere in risalto la battaglia della Resistenza Italiana. Proprio perchè da quella battaglia è nato quello straordinario testo che  ispira, o dovrebbe ispirare, la nostra vita di cittadini . La costituzione può essere migliorata ok, può essere cambiata in alcuni punti ok, ma senza ombra di dubbio rimane un pilastro necessario per la democrazia di questo paese. Ancora oggi il gesto di migliiaia di ragazzi deve essere ricordato. Deve essere soprattutto ricordato lo sforzo di superare le identità per affrontare un abattaglia che andava ben oltre l'interesse personale. Pensare a Don Pietro Pappagallo insieme a chi durante la notte clandestinamenter stampava l'Unità è l'immagine più bella di un dialogo ed una contraminazione che parte dall'interesse generale di un popolo. Questa è l'immagine, il confronto e la contaminazione che vorrei fosse protagonista della nuova stagiobne politica che vede il PD come una novità......



permalink | inviato da attimofuggente il 5/2/2008 alle 18:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
31 gennaio 2008
forever young...
sulle dolci note di Bob Dylan scrivo un post del tutto  istintivo....Sono  più di tre ore che faccio telefonate su telefonate e l 'orecchio è stufo di ascoltare malumori e scazzi. Penso che è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e non lasciare che un periodo dark come questo prenda il sopravvento sullo spirito di sempre. " Ricomincio da tre " non da zero, perchè  non serve a nulla . Prendo le molte cose positive esistenti e le rendo basi per l'avvenire....Mi sento profondamente pretenzioso come il sedicenne sfrontato senza limiti....forever young...questo è lo spirito giusto....



permalink | inviato da attimofuggente il 31/1/2008 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 136586 volte

 

 "Non accontentarti di sopravvivere,pretendi di vivere in  un mondo migliore,non  sognarlo e basta"  da La finestra di fronte 

     

   

 

 Tanti fra i nostri antenati cantavano canti di libertà e sognavano il giorno in cui sarebbero potuti uscire dalla schiavitù, dalla lunga notte dell’ingiustizia(…)

E cantavano così perché avevano un sogno grande e potente; ma molti di loro sono morti senza vederlo realizzato(…)

La lotta c’è sempre. Facciamo dichiarazioni contro la guerra, protestiamo, ma è come se con la testa volessimo abbattere un muro di cemento: sembra che non serva a nessuno.

E molto spesso, mentre si cerca di costruire il tempio della pace, si rimane soli; si resta scoraggiati; si resta smarriti.

 Ebbene, così è la vita. E quel che mi rende felice è che attraverso la prospettiva del tempo riesco a sentire le loro grida: ”Forse non sarà per oggi, forse non sarà per domani, ma è bene che sia nel tuo cuore. E’ bene che tu ci provi.”

Magari non riuscirai a vederlo.  Il sogno può anche non realizzarsi, ma è comunque un bene che tu abbia un desiderio da realizzare. E’ bene che sia nel tuo cuore.

 

                                               Martin Luther King

 

Manca qualcosa in quei giovani....Sembrano un pò smarriti,i falsi miti,il consumo.il perbenismo,lo stile,la smart,il polsino,le figurine dei power rangers,una fottuta bicicletta che pesa 12,34 grammi....in alluminio, che fa il caffè mentre cammini...Poveri giovani,devono lavorare così tanto per comprarsi il cellulare che fa le foto!!Smarriti nel suono del blues,che ci pone come note in un pentagramma già scritto da un falso musicista,ci affoghiamo di stenti per provare ad essere un unitile suono,che non riuscirà mai,di questo passo,a comporre una melodia....Manca qualcosa in quei giovani....Un musicista non basta,occorre essere consapevoli del proprio valore e del proprio suono...Se vogliamo chiamare la nostra melodia,DEMOCRAZIA,dobbiamo comprendere la nostra indispensabilità alla sua composizione....Manca qualcosa in quei giovani.....