.
Annunci online

attimofuggente
passerà li davanti a te....non farlo fuggire..
31 gennaio 2008
forever young...
sulle dolci note di Bob Dylan scrivo un post del tutto  istintivo....Sono  più di tre ore che faccio telefonate su telefonate e l 'orecchio è stufo di ascoltare malumori e scazzi. Penso che è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e non lasciare che un periodo dark come questo prenda il sopravvento sullo spirito di sempre. " Ricomincio da tre " non da zero, perchè  non serve a nulla . Prendo le molte cose positive esistenti e le rendo basi per l'avvenire....Mi sento profondamente pretenzioso come il sedicenne sfrontato senza limiti....forever young...questo è lo spirito giusto....



permalink | inviato da attimofuggente il 31/1/2008 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
29 gennaio 2008
Canto il sè
di Walt Whitman

Canto il sé, la semplice singola persona,
Ma aggiungo anche la parola Democratico, la parola
In-Massa.

La fisiologia da capo a piedi, canto.
Né la fisionomia né il cervello sono degni da soli della
Musa, la Forma completa è di gran lunga più degna.

Canto imparzialmente la Femmina insieme col Maschio.

La vita immensa nella sua passione, impulso, e forza,
Gioiosamente, per un più libero agire sotto le leggi divine.

L'Uomo Moderno, io canto.



permalink | inviato da attimofuggente il 29/1/2008 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
27 gennaio 2008
voglia di Roma...
era molto che non andavo allo stadio a vedere la partita. Troppo spesso ho gettato merda su chi in un modo  o nell'altro passa la vita ad aspettare la domenica. Probabilemnte continuo a credere che l'andamento  della squadra del cuore non è il metro di giudizio attraverso il quale misurare la felicità. Mai come stavolta però ho misurato un attimo di tranquillità in quei novanta minuti. Periodaccio questo, il governo crolla, il libro di Glaimberti, gli arbitri che fanno finta che non esisto, l'anima gemella che non arriva e tanto altro....certo niente di preoccupante, ma il cattivo umore si fa sentire. Quando non riesci che a vedere buio ti disperi anche per le piccole sciocchezze. Cazzo, credetemi che lo stadio è il migliore anti-depressivo. In quei novanta minuti c'è solo una patrtita, ma ti prende come se fossi in quell'arena a vincere la tua sfida. Non pensi ad altro che al pallone che deve attraversare la linea di porta avversaria.Alienazione? No, non credo sia neanche tifo solamente è qualcosa di più...è la AS ROMA....



permalink | inviato da attimofuggente il 27/1/2008 alle 16:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
25 gennaio 2008
tra palco e realtà.....
come afferma chiaramente il mio caro babbo è finito il giocattolo.Il  Governo Prodi va a casa senza aver lasciato grandi consensi. Il centro sinistra finisce così la sua strada per un difetto tipicamente italiano. Credo che in nessun altro paese al mondo un senatore avrebbe spuatato in faccia ad un  altro dello stesso partito tra gli applausi . Questa Italietta che non smette mai di ricordare come è fatta. Soprattutto quali sono i modi dei suoi protagonisti principali. Probabilmente questo è lo step successivo del cammino verso la fine totale della fiducia nella politica. Prevalgono sempre, in ogni luogo ed in ogni angolo delle strade, gli interessi persanali piuttosto che il senso della complessa struttura comunitaria. Ancora una volta abbiamo assistito ad una fiction emotivamente riprovevole. Siamo qui a chiederci che ne sarà di noi. Immaginate un nuovo governo con Berlusconi premier, magari Cuffaro ministro della giustizia  ed affidato  alla lega il ministero per il mezzogiorno. Certmante oggi più che mai il futuro sembra certo delle sue incertezze ed instabilità. Un duro lavoro ci si prospetta davanti la strada, ma detto sinceramente non ho neanche io quell 'entusiasmo necessario a fare in modo che inizi nuovamente una diversa stagione della politica. Rinuncio al desiderio di un paese serio. Rinuncio all 'idea di una poltica seria. Rinuncio all'idea di vivere in un paese dove i cittadini sanno chi scegliere prima di votare in base ai loro interessi particolari. Penso che dovrei rinunciare anche all'attivismo politico e fare volontariato, cosa che ho sempre messo molto dopo la politica nella scala delle attività utili. Penso che dovrei pensare ad altro, come finire in fretta gli studi e trovare un lavoro fuori da questa incivile Italia. Penso che la rabbia di molti giovani non può continuare ad essere incanalata in un video su youtube o sull'acquisto  rateale di un nuoco PC.Penso  che potrei cominciare a vivere tra palco e realtà....inizia lo spettacolo



permalink | inviato da attimofuggente il 25/1/2008 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
24 gennaio 2008
il senato sarà speranza?
non so se sperare nella votazione al Senato o lasciare che gli eventi degli ultimi giorni consumino il loro appetibile banchetto mandando  a casa un governo ancora in fase evolutiva. Sono tra quei giovani che hanno creduto e sperato in questo  centro-sinistra, nel suo rilanciare politiche e programmi che coniugavano almeno in gran parte la sinistra. Certamente  la delusione rispetto ad alcune cose è tanta , penso ai Pacs  , alle liberalizzazioni  ed  al conflitto di interessi. Sono altresì convinto che il governo poteva fare bene. Oggi, vivo il momento del voto come una lancia in arrivo verso quel briciolo di spernaza che mi aveva investito negli ultimi due anni. Poco ci divide da un nuovo voto ed una nuova  coalizione di governo.  Mi sento teso, perchè non  auspico  un neo Berlusconi...Preoccupato , perchè in ogni caso la cosa migliore sarebbe lasciare il paese ed emigrare in Spagna o in altri posti, ma già so di non avere la minima capacità di farlo.



permalink | inviato da attimofuggente il 24/1/2008 alle 19:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
21 gennaio 2008
inaccettabili le parole del Ministro Mastella..
Basito, forse felice per come le cose si sono dipanate in questi due anni, ma stufo di accetare le parole blasonate di un personaggio già ambiguo in partenza. Credo ci siano ancora speranze per salvare il governo, spero che esse però non passino attraverso  la votazione di un documento inaccettabile redatto dal guardasigilli Mastella. Non si può incolpare la magistratura di accusare, indagare chi ha commesso reati. Non lo si può fare in nessun caso. La dignità , la trasparenza e la fiducia dei cittadini vengono prima delle quadre interne alle coalizioni. Via Mastella, basta. Spero che il PD si rifiuti di votare quel vergognoso documento. Certi personaggi non vanno sostenuti. Non perdiamo l 'occasione di ribadire la nostrà caratterizzazione verso la legalità ed il rispetto delle leggi e dei sogetti che tentano di farle rispettare.



permalink | inviato da attimofuggente il 21/1/2008 alle 21:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
18 gennaio 2008
una politica che ispiri fiducia...
Oggi pomeriggio  mi trovavo ,come molte altre volte , seduto su di una panchina all'interno del cortile universitario. Improvvisamente si avvicina una studentessa ed iniziamo un discorso infinito generico. Di quelli sul più e meno della vita, dall'università alla tomba passando per la politica.
Ancora una volta sento ripetermi le stesse identiche cosa. " Ho votato, ma penso di non farlo più. Credimi non è per grandi questioni. Io non conosco molto bene la poltica, ma vedo quelli di destra e sinistra uguali. Entrambi in TV che si contorcono tra chiacchere  e pettegolezzi gli uni contro gli altri. Non ho fiducia. Non riesco a percepire in loro la volontà di guardare ai problemi reali dei ragazzi. Pensa me, fuori sede, lontana da casa. Mi ritrovo a pagare un affitto vergognoso. Divido la stanza con una persona che non ho mai visto prima. Le mie intimità, la mia voglia di star sola ora più che mai sono diventate un 'esigenza. Dovo sono i politici che dovrebbero rispondere a queste necessità. Immagina che io sono nata in campania e vivo il riflesso di una situazione a dir poco degradante."
Ancora una volta parole taglienti per chi immagina di poter essere un punto di riferimento. Non sapevo cosa dirle se non di sperare, convinto che un girono anche noi avremo una classe dirigente impegnata nel lavoro fuori da loro stessi. Conosco le differenza tra i poli, ma delle volte non percepisco neanche io la volgia di mettere alcune questioni al primo punto. Non bastano le finanziarie. Non è l'economia l'unico metro di giudizio del benessere del paese. Vorrei respirare la fiducia e il credo nelle persone.
LA POLITICA  TUTTA HA BISOGNO DI RESTITUIRE SPERANZE.NON BASTA IL CARISMA DI VELTRONI,NON BASTA IL PD. SERVE UNA FASE NUOVA TOTALE. CORAGGIO E SCELTE CHIARE, ANCHE SE POCHE. CHIARA DIREZIONE DI MARCIA. NESSUNA ESITAZIONE. NESSUNA RIVISITAZIONE DEI DIRITTI GIà AQUISITI. NESSUNA CORSA AL CONSENSO SENZA SE E SENZA MA.
Potrei dirne ancora molte di cose. Io , come dice un vecchio slogan, ci credo, ma pretendo segnali chiari di cambio di rotta...Voglio incontrare ragazi e ragazze fiduciose nell 'Italia, perchè è un paese fantastico, che può rinascere e ripartire...



permalink | inviato da attimofuggente il 18/1/2008 alle 18:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
17 gennaio 2008
questo blog e il suo essere deprimente...
capita spesso di parlare con i miei amici del blog e delle sue innumerevoli opportunità. Scontato che ad un certo punto della conversazione si arriva   a parlare del mio . Costantemente mi sento ripetere che leggere il mio blog ti fa sentire depresso. Sarà un pensiero scontato, ma io nn la penso nello steso modo.

Ditemi, realmente leggere questo blog è una full immersion depressiva ?



permalink | inviato da attimofuggente il 17/1/2008 alle 20:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
11 gennaio 2008
in auto verso casa...
stranamente, non inserisco uno deri miei CD, ma ascolto la Radio. Zapping pesante, non credo esista una frequenza che possa essere ascoltata più di dieci minuti. Ad un certo punto passa una canzone di Elisa, non so per quale motivo non ho cambiato e ascoltando....

Tutto questo tempo a chiedermi

Cos'è che non mi lascia in pace
Tutti questi anni a chiedermi
Se vado veramente bene
Così
Come sono
Così

Così un giorno
Ho scritto sul quaderno
Io farò sognare il mondo con la musica
Non molto tempo
Dopo quando mi bastava
Fare un salto per
Raggiungere la felicità
E la verità è

Ho aspettato a lungo
Qualcosa che non c'è
Invece di guardare il sole sorgere


Questo è sempre stato un modo
Per fermare il tempo
E la velocità
I passi svelti della gente
La disattenzione
Le parole dette
Senza umiltà
Senza cuore così
Solo per far rumore

Ho aspettato a lungo
Qualcosa che non c'è
Invece di guardare
Il sole sorgere

E miracolosamente non
Ho smesso di sognare
E miracolosamente
Non riesco a non sperare
E se c'è un segreto
E' fare tutto come
Se vedessi solo il sole

Un segreto è fare tutto
Come se
Fare tutto
Come se
Vedessi solo il sole
Vedessi solo il sole
Vedessi solo il sole

E non
Qualcosa che non c'è

l 'ho ascoltata,cercata e scaricata. Risentita e risentita. Sicuramente Elisa mi ricorda una persona speciale,l'unica. La canzone è davvero bella...bel testo....



permalink | inviato da attimofuggente il 11/1/2008 alle 17:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
9 gennaio 2008
La legge 194 ed il PD..
Nessuno può pensare di riscrivere la storie delle battaglie e delle conseguenti  vittorie di milioni di cittadini italiani. Battaglie che hanno segnato non solo un passo imporante per il progresso sociale del paese, ma soprattuto lo hanno reso degno di definirsi civile.Non ho nessun timore rispetto la posizione del PD su questi temi. Non ho dubbi, ma vorrei ugualmente inserire nel post la lettera di Walter Veltroni a Ferrara uscita sul Foglio.

Lettera di Walter Veltroni – Il Foglio

Caro Ferrara,

ho letto sul “Foglio” il “noi si aspetta”, riguardo all’invito per un incontro col Pd sulla campagna da te lanciata riguardo ai temi dell’interruzione delle gravidanze.

Dico subito che ritengo certamente utile questo incontro, le cui modalità saranno presto definite.

Non ritengo infatti banali né strumentali le questioni poste, che interrogano le coscienze, pongono problemi di natura morale. E credo giusto che anche una sede politica trovi modi e forme di discussione e confronto, non soltanto al suo interno.

Leggo anche che tu giudichi un segno di debolezza e mentalità ideologica quello che ho detto nell’intervista a “Repubblica” e che sintetizzi con l’espressione “la 194 non si tocca”. Per la verità ho detto qualcosa di più, qualcosa che peraltro interloquisce con le sollecitazioni poste anche sul tuo giornale.

Ho definito la legge 194 una conquista di civiltà che deve essere difesa e l’ho motivato così: “Si è dimostrata una legge contro l’aborto, visto che le interruzioni di gravidanza si sono ridotte del 44%” e – aggiungo – è stata debellata la piaga degli aborti clandestini e difesa la salute e la dignità di tante donne.

Ma non mi spaventa – ho ancora aggiunto – una discussione di merito, che tenga a rafforzare gli aspetti di prevenzione, “perché l’aborto non è un diritto assoluto, ma è sempre un dramma da contrastare” e da prevenire.

In questo senso ho molto apprezzato anche l’iniziativa assunta dal Ministro Livia Turco di richiedere su queste materie autorevoli pareri al Consiglio Superiore di Sanità. Lo considero un approccio serio e responsabile per un confronto costruttivo, davvero laico e che proprio per essere tale dovrà essere sgombro da pregiudizi e idelogismi. E’ questo lo spirito con cui anche il Pd intende misurarsi su questo tema. Lo faremo tra noi, lo faremo con la società, lo faremo anche con lei, con autentica disponibilità al dialogo.



permalink | inviato da attimofuggente il 9/1/2008 alle 19:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre   <<  1 | 2  >>   febbraio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

 

 "Non accontentarti di sopravvivere,pretendi di vivere in  un mondo migliore,non  sognarlo e basta"  da La finestra di fronte 

     

   

 

 Tanti fra i nostri antenati cantavano canti di libertà e sognavano il giorno in cui sarebbero potuti uscire dalla schiavitù, dalla lunga notte dell’ingiustizia(…)

E cantavano così perché avevano un sogno grande e potente; ma molti di loro sono morti senza vederlo realizzato(…)

La lotta c’è sempre. Facciamo dichiarazioni contro la guerra, protestiamo, ma è come se con la testa volessimo abbattere un muro di cemento: sembra che non serva a nessuno.

E molto spesso, mentre si cerca di costruire il tempio della pace, si rimane soli; si resta scoraggiati; si resta smarriti.

 Ebbene, così è la vita. E quel che mi rende felice è che attraverso la prospettiva del tempo riesco a sentire le loro grida: ”Forse non sarà per oggi, forse non sarà per domani, ma è bene che sia nel tuo cuore. E’ bene che tu ci provi.”

Magari non riuscirai a vederlo.  Il sogno può anche non realizzarsi, ma è comunque un bene che tu abbia un desiderio da realizzare. E’ bene che sia nel tuo cuore.

 

                                               Martin Luther King

 

Manca qualcosa in quei giovani....Sembrano un pò smarriti,i falsi miti,il consumo.il perbenismo,lo stile,la smart,il polsino,le figurine dei power rangers,una fottuta bicicletta che pesa 12,34 grammi....in alluminio, che fa il caffè mentre cammini...Poveri giovani,devono lavorare così tanto per comprarsi il cellulare che fa le foto!!Smarriti nel suono del blues,che ci pone come note in un pentagramma già scritto da un falso musicista,ci affoghiamo di stenti per provare ad essere un unitile suono,che non riuscirà mai,di questo passo,a comporre una melodia....Manca qualcosa in quei giovani....Un musicista non basta,occorre essere consapevoli del proprio valore e del proprio suono...Se vogliamo chiamare la nostra melodia,DEMOCRAZIA,dobbiamo comprendere la nostra indispensabilità alla sua composizione....Manca qualcosa in quei giovani.....